SEZIONI NOTIZIE

L'Italia del calcio, secondo anno dopo Svezia: da De Rossi a Tonali

di Tuttofrosinone Redazione
Fonte: tmw
Vedi letture
Foto

Due anni fa, a Milano, c'è stato l'anno zero del nostro calcio. Almeno in chiave moderna e contemporanea: dopo l'esclusione del 1930 - una competizione a inviti - e quella del 1958 (con l'Italia estromessa dall'Irlanda del Nord) gli azzurri pareggiavano contro la Svezia per 0-0, nel 2018, con Tavecchio come presidente e Ventura come allenatore. L'immagine più significativa della serata di San Siro era evidentemente il rifiuto, da parte di De Rossi (già 35enne), di entrare in campo a pochi minuti dalla fine, con Insigne seduto in panchina.

SOLO FLORENZI, BONUCCI, JORGINHO E IMMOBILE - Di quella formazione sono quattro i superstiti, con Buffon e Barzagli ritirati, Gabbiadini che gioca poco alla Sampdoria, Candreva che è stato recuperato da Conte dopo un periodo buio, Chiellini infortunato e Parolo che è la prima riserva nel centrocampo di Simone Inzaghi. Intanto Jorginho è diventato centrale nel progetto, Bonucci lo è sempre stato, Immobile non è titolare fisso, Florenzi ha dei problemi a Roma. Il modulo è cambiato, dal 4-4-2 (o 4-2-4) ostinato e non modificabile di Ventura, al 4-3-3 altrettanto iconico - ma molto più funzionale - di Roberto Mancini. Vero è che gli avversari del girone non erano irreprensibili e, soprattutto, non c'era la Spagna. Ma le otto vittorie consecutive sono lì a testimoniare una nuova vita per gli azzurri.

FINALMENTE I GIOVANI - La verità è che la nota lieta è quella di avere, finalmente, un futuro. Niente stage per provare giovani che poi non sarebbero mai stati schierati titolari, bensì partite per farli crescere. Da Barella a Sensi, passando per Chiesa oppure Bernardeschi. Castrovilli, Cistana e Orsolini. Sembra ci sia un futuro anche per la nazionale, dopo il De Rossi gate di San Siro. Infine anche Verratti ha preso in mano le redini della squadra, diventando uno dei punti di riferimento per tutta la manovra.

Altre notizie
Martedì 10 Dicembre 2019
01:00 Giovanili Italia Under-15: il giovane canarino Oddi convocato per il Torneo di Natale 00:00 News Qui Pescara - Lavoro differenziato per ben 7 calciatori. Si ferma anche Brunori
Lunedì 9 Dicembre 2019
18:50 News PAGELLE Juve Stabia-Frosinone: le pagelle di Gigi Mansi 17:30 News Ciano, impatto devastante: grande prestazione, traversa e gol su rigore 16:30 News Ancora Bardi: "Questi risultati un punto di partenza. Continuiamo a lottare, gara dopo gara"
PUBBLICITÀ
15:30 News Beghetto, momento d'oro: segna anche a Castellammare (e lo schema da corner riesce a perfezione) 14:30 News TuttoB.com - Pescara, per l'attacco si valuta il profilo di Nicola Citro 13:30 News Dionisi, prova dal doppio volto a Castellammare di Stabia 12:30 News Frosinone, la vittoria in trasferta mancava da 8 mesi 11:30 News Bardi: "La vittoria un punto di partenza. Quattro gare al giro di boa: daremo l'anima" 10:45 News Juve Stabia, Vitiello: "Amaro in bocca, meritavamo qualcosina in più" 10:15 News Maiello: "Gara preparata bene in settimana. Risultato meritato, complimenti alla squadra" 09:00 News TOP E FLOP - Nesta la vince con i cambi. Bardi e Beghetto due certezze 07:00 News Serie B, la classifica aggiornata: Frosinone quinto, a -2 dalla promozione diretta 05:00 News Scatto d'orgoglio in trasferta: a Castellammare di Stabia la prima vittoria fuori dalle mura amiche 01:00 News Fabio Caserta perde contro il Frosinone che poteva essere suo (e ammette la superiorità dei canarini)
Domenica 8 Dicembre 2019
17:47 News SALA STAMPA - Fabio Caserta: “Ai miei non posso rimproverare nulla. Frosinone squadra di categoria superiore” 17:22 News SALA STAMPA - Alessandro Nesta: “Grande prestazione, potevamo chiuderla prima. Sono felice per i tifosi” 17:05 News DAZN - Ciano: "Il rigore dovevo tirarlo di potenza per chiudere la partita. Abbiamo sofferto fino alla fine" 17:00 PRIMO PIANO PAGELLE Juve Stabia-Frosinone 0-2: le pagelle dei canarini